“Il boicottaggio è l’unica carta che mette Israele a disagio”

Brian Eno - Polemiche per la musica negata ai danzatori di Batsheva: “Non sarà la scelta migliore, ma non fare nulla è peggio”
“Il boicottaggio è l’unica carta che mette Israele a disagio”

Da alcuni anni Brian Eno è un convinto sostenitore della campagna “Boicottaggio disinvestimento sanzioni” (Bds), risposta della società civile palestinese alle politiche di colonizzazione e apartheid del governo israeliano. Il Fatto Quotidiano lo ha intervistato sui legami tra l’arte e la questione palestinese. Nei giorni scorsi lei ha negato l’uso della sua musica alla compagnia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.