I quattro cavalieri (inglesi) dell’Apocalisse jihadista al bar della Guerra santa

In un video inedito la vita quotidiana a Raqqa di Jihadi John e altri foreign fighters dell’Isis
I quattro cavalieri (inglesi) dell’Apocalisse jihadista al bar della Guerra santa

Quattro amici al bar: scambiano due chiacchiere, ricaricano i cellulari. Ventenni che si raccontano la loro giornata. A mostrarli nei loro volti senza cappucci è stato il Telegraph con una esclusiva: sono Mohammed Emwazi – il boia di Raqqa conosciuto come Jihadi John – Junaid Hussain, considerato l’hacker numero uno del Califfato e marito della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.