I “martiri” copti si affidano al Papa che parla all’Islam

Tanta - Nella chiesa egiziana colpita dal kamikaze dell’Isis in attesa dell’arrivo di Francesco. “La nostra minoranza è sempre più minacciata”
I “martiri” copti si affidano al Papa che parla all’Islam

Le lancette dell’orologio di mar Girgis, la chiesa copta di San Giorgio, a Tanta, si sono fermate alle 9:05. Il movimento interrotto per sempre dalla carica mortale dell’attentatore che si è fatto esplodere vicino all’altare. Il 9 aprile, Domenica delle Palme, si stava celebrando la messa e la chiesa era gremita. A terra sono rimaste […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.