I falsari di via Padova e il suk dei passaporti

Nel mirino - La rete di migranti che operano attorno alla moschea milanese
I falsari di via Padova e il suk dei passaporti

Anis Amri, “il piantagrane islamista” così definito confidenzialmente dall’intelligence tedesca, è morto in Italia senza documenti. Per identificarlo ci sono volute oltre 5 ore. Tempo passato per avere la conferma dalla Germania sulle impronte digitali e i rilievi facciali del tunisino. Nello zaino aveva circa 200 euro e soprattutto il suo obiettivo: arrivato a Sesto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.