Gué Pequeno, da duro a “pirla” d’autoerotismo

C’erano una volta i rapper, quelli duri e puri, quelli che se pubblicavano una foto era un dito medio o un ritratto a sfondo graffiti o binario morto in qualche periferia malfamata. Quelli che se la prendevano con la politica, le divise, il capitalismo, i vegani, le ex, le madri, le nonne, i prozii, i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.