Gli spari a Togliatti e il lato oscuro dei comunisti italiani

14 luglio ’48 - 70 anni fa l’attentato al segretario del Pci rischiò di far esplodere l’apparato paramilitare non rassegnatosi alla vittoria Dc
Gli spari a Togliatti e il lato oscuro dei comunisti italiani

Quattro pallottole la mattina del 14 luglio 1948, in Via della Missione a Roma colpiscono il segretario del PCI Palmiro Togliatti. A sparare è un ragazzotto siciliano, solitario, un po’ monarchico, un pò fascistoide, Antonio Pallante. Dietro di lui non c’è nessuna trama né complicità di partiti o gruppi nazionali o internazionali. Stalin deplora, in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.