Gli “americani finti” creati dalla Russia che tifavano per Trump

Facebook ammette che centinaia di profili per influenzare le elezioni sono nati all’estero
Gli “americani finti” creati dalla Russia che tifavano per Trump

Nella sua foto profilo su Facebook Melvin Redick indossa un cappello da baseball, sorride e ha sua figlia in braccio. Abita in Pennsylvania, tutti i giorni scrive parole feroci contro il partito democratico e promuove rivelazioni: “leggete la verità su Hillary Clinton e George Soros su DCleaks.com”. I suoi post, secondo il New York Times, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.