Eni, non c’è due senza tre Mazzette anche in Congo

Dopo Algeria e Nigeria - Esplode il caso di corruzione sollevato in cda da Zingales nel 2015. L’ad Descalzi lo accusò: “Insinuazioni offensive”
Eni, non c’è due senza tre Mazzette anche in Congo

I pm milanesi sono a caccia di tangenti Eni anche in Congo. Dopo aver avviato inchieste e processi per corruzione internazionale in Algeria e Nigeria, ora indagano anche su presunte mazzette proprio nel Paese africano dove ha iniziato la sua carriera, nel 1994, l’attuale amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi (già rinviato a giudizio per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.