“Droni imprecisi e troppi civili uccisi”. Ma l’Italia ha già investito 180 milioni

Danni collaterali. Illustrato alla Camera il report sui nuovi velivoli
“Droni imprecisi e troppi civili uccisi”. Ma l’Italia ha già investito 180 milioni

L’era dei droni inizia in Afghanistan nel 2002, con il primo bombardamento condotto da un velivolo americano senza pilota comandato con un joystick. Era l’inizio di una svolta storica. Una rivoluzione tecnologica e bellica molto problematica dal punto di vista etico e giuridico, ripercorsa e analizzata in dettaglio nel rapporto Droni militari, proliferazione o controllo? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.