Diplomatici o spie, per Trump e Putin pari sono

Guerra delle ambasciate - Perquisizione nel consolato russo di San Francisco, Mosca protesta
Diplomatici o spie, per Trump e Putin pari sono

Voglio ringraziare Putin perché stiamo cercando di tagliare il nostro personale all’estero e ora pagheremo meno gente. Risparmieremo”. Così il presidente americano Donald Trump cercava di sdrammatizzare la decisione del Cremlino, a fine luglio, di mandare via da Mosca 755 diplomatici Usa. Ma la “guerra delle ambasciate” prosegue, e ieri sono stati i russi a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.