C’è il petrolio nei fiumi ma l’Eni non si ferma

Basilicata - Dopo l’ultimo rapporto la Regione ordina lo stop al Centro di Viggiano. La compagnia attende la notifica
C’è il petrolio nei fiumi ma l’Eni non si ferma

“Il livello di solventi organici aromatici è di cinque volte superiore al livello consentito”. È uno dei motivi che ha spinto la Regione Basilicata ha chiudere il Centro Olio di Viggiano (Potenza). Lo spiega Edmondo Iannicelli, direttore generale Arpab Basilicata, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente: “Dopo che la scorsa settimana ci sono giunti i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.