Caratterista, spalla, attore di razza. Ma Ralli fu soprattutto straordinario

Da Macario a Totò, poi ne “ La grande bellezza”. E soprattutto a teatro insieme a Maurizio Micheli

Sulla soglia degli ottanta gli piaceva raccontare quando di anni ne aveva appena diciotto, i suoi inizi come ballerino in una “scalcagnata compagnia di operetta” e quella prima volta sul palco come attore: due battute appena, sbagliate entrambe per l’emozione. Forse allora non ci avrebbe scommesso, ma a quella prima esperienza seguì una carriera lunga […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.