Braccati dal regime che gridava al complotto

Dopo l’articolo di un anno fa i giornalisti sono finiti sotto processo (l’accusa chiese una pena di 30 anni) e bollati come traditori
Braccati dal regime che gridava al complotto

Tra la serata di venerdì e la mattina di sabato, radio, tv e giornali di mezzo mondo hanno riportato la notizia di un giornalista turco al quale un uomo aveva tentato di sparare davanti al tribunale di Caglayan a Istanbul. Il giornalista si trovava fuori dal palazzo di giustizia durante una pausa nel processo che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.