“Banditi sardi si rifornivano di kalashnikov dall’Esercito”. Un sottufficiale tra i 23 arrestati

“Banditi sardi si rifornivano di kalashnikov dall’Esercito”. Un sottufficiale tra i 23 arrestati

Un esperto luogotenente dell’Esercito italiano, Giuseppe Mattei, è finito in carcere per associazione a delinquere, traffico d’armi da guerra e peculato nell’ambito di un’inchiesta su una presunta organizzazione criminale sarda con ramificazioni in Veneto e in Emilia, dedita al commercio di cocaina e appunto armi. Procede la Procura di Cagliari con i carabinieri di Nuoro, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.