Abruzzo, errori a catena e il monte brucia ancora

Parco della Majella - Sul Morrone in 14 giorni divorati 3000 ettari: stato d’emergenza e 30 uomini a protezione del versante pescarese
Abruzzo, errori a catena e il monte brucia ancora

All’alba di ieri, 30 volontari sono stati spediti in cima alle montagne del Morrone per scongiurare l’estendersi dell’incendio al versante pescarese. Un’ora e mezza di cammino, sono partiti alle 5. Brucia ormai da quattordici giorni il monte nel cuore del Parco nazionale della Majella, giorno e notte, ininterrottamente. Oltre 3.000 ettari di macchia in fumo. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.