Modena

I “cold case” di Modena: otto femminicidi in attesa di un unico nome

Tra il 1985 e il 1995 otto donne vennero ammazzate brutalmente. All'epoca le indagini frettolose ipotizzarono che si trattasse di delitti compiuti da killer diversi e legati alla tossicodipendenza. Adesso un libro racconta la storia del "mostro" senza volto.

9 Settembre 2020

Modena è la mia città. La vivo da cittadino, da analista ne indago le periferie umane. Dunque ricordo bene come tra l’agosto del 1985 e il dicembre del 1995, otto giovani donne furono bestialmente uccise: strangolate, accoltellate, colpite con fendenti al cuore. Per molti anni gli investigatori validarono l’idea di eventi isolati, slegati l’uno dall’altro, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per i primi 3 mesi
dopo 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.