/ di

Mattia Eccheli

Articoli Premium di Mattia Eccheli

Il Fatto Economico - 28 dicembre 2016

Occupati, l’Italia in coda: bene solo Berlino e Londra

Berlino Secondo le statistiche e almeno nei grandi paesi dell’UE, la disoccupazione cala. Perfino in Italia, dove era dell’11,9% nel 2015 e secondo gli ultimi dati si attesta attorno all’11,6% (tre milioni di senza lavoro), e soprattutto, in Gran Bretagna. Nonostante il voto popolare che ne ha sancito la prossim uscita dall’Unione, il paese non […]
Mondo - 23 dicembre 2016

Natale con i profughi che sognano solo di poter tornare a casa

“Come va?”, gli chiedo. La mia solita gaffe, ma ancora non lo so. Lui mi guarda, ma non sorride. Ci capiamo ancora a fatica, perché l’apprendimento di una lingua come il tedesco non è facile. Ancora meno a 40 anni suonati. Anche il suo inglese è molto elementare. Ma ci facciamo aiutare da un’amica, anche […]
Mondo - 21 dicembre 2016

Angela Merkel non cambia verso: “Sempre ospitali”

Angela Merkel e la Germania ci hanno provato. E ci hanno creduto. Hanno spalancato le porte del loro Paese ai profughi, sopraffatti dall’esodo di massa dalla Siria insanguinata dalla guerra civile. E continueranno nonostante tutto a provarci, come ha detto ieri la cancelliera: “Continueremo a dare sostegno alle persone che arrivano nel nostro Paese”. Ma […]
Mondo - 21 dicembre 2016

Caccia all’uomo sbagliato, unica traccia: scarpe bianche

Un unico indizio: un uomo con le scarpe da ginnastica bianche. Sarebbe lui l’attentatore che ha trasformato un autoarticolato da 40 tonnellate nel Tir assassino che lunedì sera verso le 20 ha falciato 11 persone (la dodicesima, l’autista del camion, è stata ammazzata con un singolo colpo di pistola di piccolo calibro) nel mercatino di […]
Mondo - 20 dicembre 2016

Il Tir della strage: “Era sparito da 4 ore, veniva dall’Italia”

La tempesta dopo la quiete. Che si è scatenata a Berlino sotto forma di un Tir, un autoarticolato Scania, a quanto pare con targa polacca. Poco dopo le 20 di ieri il veicolo industriale è piombato a velocità elevata su uno dei mercatini di Natale che animano la Capitale falciando visitatori e operatori. Poco dopo […]
Mondo - 17 dicembre 2016

Radicalizzato a 12 anni piazza una bomba alla fiera di Natale

Un dodicenne mette paura alla Germania. Il bambino con doppia cittadinanza, tedesca e irachena ha provato due volte a far esplodere un ordigno rudimentale nel mercatino di Natale di Ludwigshafen, città a 100 chilometri a sud di Francoforte sul Meno. Sulla pericolosità delle due bombe non sono state fornite indicazioni, ma il caso è stato […]
Il Fatto Economico - 14 dicembre 2016

Nelle Ferrovie tedesche l’aumento contrattuale significa meno lavoro

Non solo più denaro ma, in alternativa, anche più tempo. Con un contratto à la carte, le ferrovie tedesche (Deutsche Bahnof) hanno evitato un Natale di scioperi. I pendolari tedeschi tirano un sospiro di sollievo, soprattutto dopo che i piloti Lufthansa avevano tenuto a terra migliaia di voli nelle scorse settimane (lo stato di agitazione […]
Economia - 9 dicembre 2016

Dieselgate, l’Ue accusa la Germania

L’inerzia della Germania e di altri sei Paesi sulle emissioni di ossidi di azoto taroccate dal gruppo Volkswagen ha indotto la Commissione europea ad aprire una procedura d’infrazione. Dopo l’annuncio di settembre della commissaria all’Industria, la 52enne polacca Elzbieta Bienkowska, ieri è arrivata la conferma ufficiale. Le altre nazioni coinvolte sono Gran Bretagna, Spagna, Grecia, […]
Mondo - 7 dicembre 2016

Mamma Angela getta il velo elettorale: “Vietare il burqa”

La campagna elettorale è cominciata. E Angela Merkel, la 62enne mutti (vezzeggiativo di mamma) l’ha ufficialmente aperta con una dichiarazione che punta a rassicurare l’elettorato più conservatore: il velo integrale che copre il viso “deve essere proibito” almeno quando “è legalmente possibile”. La cancelliera è stata riconfermata alla guida della Cdu con l’89,5% dei consensi, […]
Mondo - 31 ottobre 2016

Le luci rosse illuminano l’economia tedesca

La Germania a luci rosse ha un giro d’affari stimato in 14,5 miliardi di euro l’anno, un paio dei quali vengono incassati dal fisco. L’industria del sesso beneficia della norma varata nel 2002 dal governo “progressista”: il cancelliere era il socialdemocratico Gerhard Schröder e l’alleato di governo il partito dei Grüne, i verdi. La prostituzione […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×