/ / di

Marco Travaglio Marco Travaglio

Marco Travaglio

Direttore de Il Fatto Quotidiano e scrittore

Marco Travaglio ha lavorato con Indro Montanelli, prima a «il Giornale» e poi a «La Voce». Ha collaborato con diverse testate, fra cui «Sette», «Cuore», «Il Messaggero», «Il Giorno», «L’Indipendente», «Il Borghese», «la Repubblica» e «l’Unità». Oggi, oltre a collaborare con «l’Espresso», «MicroMega», «A» e con Servizio pubblico di Michele Santoro, è direttore de «il Fatto Quotidiano», che ha contribuito a fondare nel 2009.

Dopo il successo di Promemoria, Anestesia totale, E’ Stato la mafia, Slurp – Lecchini, Cortigiani & Penne alla Bava, è in scena nei teatri italiani con Perché No, insieme a Giorgia Salari.

È autore di molti libri di successo, tra i quali: L’odore dei soldi (con Elio Veltri, Editori Riuniti 2001), Regime (con Peter Gomez, Rizzoli-Bur 2004), Per chi suona la banana (Garzanti 2008), Colti sul fatto (Garzanti 2010). Per Chiarelettere ha pubblicato: “Mani sporche” (con Pter Gomez e Gianni Barbacetto, 2007), “Se li conosci li eviti” (con Peter Gomez, 2008), “Il bavaglio” (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2008), “Italia Annozero“, (con Vauro e Beatrice Borromeo, 2009), “Papi. Uno scandalo politico“, (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2009), “Ad personam” (2010), Silenzio, si ruba (dvd+libro, 2011), “Mani pulite. La vera storia vent’anni dopo” (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2012), “BerlusMonti(Garzanti, 2012), “L’illusionista. Ascesa e caduta di Umberto Bossi” (con Pino Corrias e Renato Pezzini, Milano, Chiarelettere, 2012), “Viva il Re!(Chiarelettere, 2013), “È Stato la mafia (Chiarelettere, 2014), “Slurp. Dizionario delle lingue italiane” (Chiarelettere, 2015), “Perché NO” (Paper FIRST, 2016),

Articoli Premium di Marco Travaglio

Editoriale - 9 luglio 2017

L’età della pietra

Appena il boss stragista Giuseppe Graviano, intercettato nell’ora d’aria, ha dato segni d’insofferenza e lanciato propositi di vendetta per le promesse non mantenute dai tanti che trattarono con Cosa Nostra per conto dello Stato e anche per conto proprio in attesa di farsi essi stessi Stato fra il 1992 e il ’94, nel biennio delle […]
Editoriale - 8 luglio 2017

One Direction

È una vera disdetta che Renzi abbia abolito lo streaming proprio per la Direzione del Pd dell’altra sera, quando c’era da divertirsi un po’. E non solo per la parola “Direzione” che, per un partito che non sa da dove viene né dove va, è già uno spasso. Finora le Direzioni del Pd erano una […]
Editoriale - 7 luglio 2017

#Matteorisponde?

Ieri Renzi ne ha detta una giusta. Capita anche a lui, ogni tanto. “Io – ha dichiarato alla Direzione Pd – non rispondo ai capicorrente, ma ai cittadini che mi hanno votato alle primarie”. Tutto si può dire di lui, fuorché non sia il legittimo segretario del suo partito, avendo vinto plebiscitariamente le ultime due […]
Editoriale - 6 luglio 2017

Guardie e ladri

Lavorare con la Guardia di Finanza in redazione senz’aver evaso un euro di tasse né essere accusati di averlo fatto è già piuttosto seccante. Ma leggere nel decreto di perquisizione della Procura di Napoli che essa “sorge sulla base di una denunzia-querela dei difensori di Romeo Alfredo, in cui si lamenta la pubblicazione di notizie […]
Editoriale - 5 luglio 2017

Bersani salvaci tu

Non si capisce cosa sia questa spasmodica ricerca di un leader della sinistra, cioè di quell’ammasso informe di sigle e siglette rissose e cacofoniche, dai nomi improbabili e impronunciabili, che orbitano alla sinistra di Renzi. Sono così impegnate a litigare, a porsi veti e a tagliarsi la strada da non accorgersi che un leader ce […]
Editoriale - 4 luglio 2017

L’ultimo genio

Quando muore un genio, tutti a dire che lascia un grande vuoto. Che non lo dimenticheremo mai. E altre frasi fatte. Fatte apposta per non domandarci perché di geni non ne nascono più. O forse ne nascono ancora, ma nemmeno ce ne accorgiamo: mancano l’habitat e l’humus per farli emergere, manca chi li nota, li […]
Società - 3 luglio 2017

Renato Zerovskij: un capostazione con i suoi maturandi

Lui, Renato Zero anzi Zerovskij, compie 50 anni di carriera (il primo singolo “Non basta sai” è del 1967). E i suoi fan, anzi sorcini, danno l’esame di maturità: l’ha deciso lui, senza ammettere discussioni. La prima prova s’è svolta sabato sera a Roma, al campo centrale del Foro Italico (seguiranno altri quattro concerti in […]
Ma mi faccia il piacere - 3 luglio 2017

Ma mi faccia il piacere

Magari. “L’annuncio di Re Giorgio: ‘Ormai tutto è pronto per la mia successione’” (la Repubblica, 2.7). Non illudetevi: è Giorgio Armani. L’uovo di Minniti. “Fermiamo i migranti in Libia” (Marco Minniti, Pd, ministro dell’Interno, Il Messaggero, 2.7). È semplicissimo. Basta andare giù e dire ai migranti: “Mi raccomando eh? State lì!”. Nozze gay. “Come vorrei […]
Editoriale - 2 luglio 2017

Circo Orfeo

Nel disinteresse generale, la Rai di Mario-Moira Orfeo ha presentato i palinsesti autunno-inverno: i più grigi, allineati e conformisti della storia. Persino più deprimenti di quelli di Campo Dall’Orto. Ma un po’ meno di quelli dell’anno prossimo. Basta ricordare la Rai di 20, 30, 40 anni fa per trovare uno sfavillio di personaggi e programmi […]
Editoriale - 1 luglio 2017

I mascaglioni

Se i nostri politici siano più coglioni o più mascalzoni, è un dilemma tanto annoso quanto ozioso. Anche perché l’esperienza insegna che l’una cosa non esclude l’altra. Diciamo che sono dei “mascaglioni” e non ne parliamo più. Anche perché, invertendo l’ordine dei fattori, il prodotto non cambia. L’ultima impresa riguarda il cosiddetto “ddl penale”, un […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×