/ / di

Stefano Caselli Stefano Caselli

Stefano Caselli

Giornalista

Sono nato a Torino nel 1975. Faccio questo mestiere da circa dieci anni e prima di approdare al Fatto Quotidiano ho lavorato qua e là spaziando tra settimanali, quotidiani, programmi radiofonici, televisivi, tv allnews, documentari per La Storia Siamo Noi e qualche esperienza editoriale. Voglio bene alla mia città e provo a raccontarla come riesco sulle pagine del Fatto. Sono del Toro e non mi sono ancora stancato di ascoltare i Rolling Stones e di leggere e rileggere Beppe Fenoglio.

Articoli Premium di Stefano Caselli

Cultura - 29 giugno 2016

In amore sopravvive chi dimentica, non il più forte

Le storie d’amore sono un metatesto e L’amore è eterno finché non risponde, romanzo d’esordio di Ester Viola, è un piccolo manuale di linguaggi: gli amori si raccontano a parole ma soprattutto a schermate Gmail e WhatsApp. Non è una novità, lo ha fatto anche Jonathan Franzen, ma c’è da credere che diventerà un’abitudine. Una […]
Politica - 24 giugno 2016

Il crollo del sistema Torino nel Quadrilatero radical chic

Scena uno: esterno notte, di fronte al municipio. Una coppia di giovani, apparentemente trentenni, festeggia la vittoria di Chiara Appendino e urla all’indirizzo delle signorili finestre di piazza Palazzo di Città: “Radical chic di merda, andate a lavorare!”. Scena due: interno giorno (anzi, interno tram) qualche giorno prima. Dialogo tra passeggero e conducente. Passeggero: “Fassino […]
Cultura - 8 giugno 2016

Ha vinto Tavecchio. Ventura è il nuovo Ct

Evenne il giorno di “mister libidine”. Dopo settimane di voci, trame, conferme, smentite, mezze frasi, retromarce, Giampiero Ventura è ufficialmente il nuovo Commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio. Prenderà il posto di Antonio Conte, impegnato da lunedì negli Europei di Francia ma già con le valigie pronte per Londra, sponda Chelsea. L’annuncio direttamente dal […]
Cronaca - 2 giugno 2016

“Il controllo dell’ex, l’ossessione diventata una malattia sociale”

Sara, la vittima, Vincenzo, il carnefice. Li legava la confidenza degli amanti, che oggi passa dal cuore, dai corpi, dalla testa e dai device. Vincenzo controllava ogni spostamento di Sara tramite l’app “trova il mio iPhone” di cui evidentemente conosceva le chiavi di accesso. Una storia molto simile – seppur a parti invertite e con […]
Primo Piano - 26 maggio 2016

Il mister rimane appeso all’azzurro ma nel frattempo ha perso il granata

Certo, era nell’aria. Ma che proprio ieri sia arrivata l’ufficialità suona un po’ come una beffa. Sinisa Mihajlovic, dopo l’infelice parentesi milanista, è il nuovo allenatore del Torino. Si chiude così la (felice) era di Giampiero Ventura in granata iniziata nel 2011. La società, in un comunicato sul sito ufficiale, ha ringraziato l’ex tecnico “per […]
Italia - 16 maggio 2016

1976, una luce granata negli Anni di piombo

La legge del Toro è una variante di quella di Murphy, e si può tradurre in un semplice comandamento: mai gioire prima del tempo, non si sa mai. Un esempio? Roma-Torino dello scorso 20 aprile. Al minuto 82, con il Toro meritatamente in vantaggio per 2-1, dalla panchina giallorossa si alza Francesco Totti. Tutti in […]
Politica - 9 maggio 2016

Errori, bugie e nomine: show da salotto per Renzi

Si scalda con un po’ di storytelling su Europa, immigrazione, cultura, recupero delle periferie, “scelte di rottura”, Merkel, “Il grande papa Francesco” e “il grandissimo Obama”. Poi si scatena quando arrivano le domande su questione morale (abbastanza, ma non troppo) e su referendum costituzionale (molto) dimostrando quanto la cosa gli stia a cuore. È la […]
Cultura - 18 aprile 2016

“I rapper sono la novità: impietoso il confronto con i colleghi del rock”

Come sta la musica? Non fa eccezione, siamo in un periodo di decandeza e dobbiamo prenderne atto”. Parola di Maurizio Lavezzi, milanese classe 1948. E se lo dice lui, c’è da credergli. Basta leggere la sua biografia artistica per rischiare la labirintite: musicista nei Camaleonti, cantautore, produttore, ha collaborato con Mogol e Battisti, ha firmato […]
Storie - 8 aprile 2016

Emil, in alto o in basso, al punto sapevi arrivare

Emiliano Liuzzi se n’è andato all’improvviso nella notte tra martedì e mercoledì. Aveva solo 46 anni. Oggi alle 18, nella Chiesa degli Artisti di piazza del Popolo in Roma, amici e colleghi potranno salutarlo. Sabato i funerali nella sua Livorno.   Il terreno del ricordo, quando qualcuno se ne va, è il più scivoloso che […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×