/ / di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 28 gennaio 2017

Tra Isis e turismo la speranza triste della Tunisia libera

A un mese dall’operazione della polizia di Sesto San Giovanni in cui è stato ucciso Anis Amri, il giovane tunisino affiliato all’Isis autore della strage di Berlino, nessuno ha ancora reclamato il suo corpo: né i familiari, né le autorità. Il motivo di tale “disinteresse” probabilmente non è solo politico, e forse non è nemmeno […]
Mondo - 26 gennaio 2017

“Copiare noi israeliani, un pessimo inizio”

Sono ormai tanti i muri costruiti dalle nazioni per tenere fuori dai propri confini profughi e abitanti dei paesi considerati ostili. Ma la ripresa della costruzione della barriera tra Usa e Messico è l’operazione più eclatante e controversa tanto quanto lo fu il muro fatto costruire a partire dal 2002 da Ariel Sharon tra Israele […]
Mondo - 23 gennaio 2017

Sul sito della Casa Bianca arrivano i gioielli di Melania

Nella marea di donne che due giorni fa ha marciato lungo le strade delle principali città degli Stati Uniti per protestare contro il sessismo dimostrato dal neo presidente Trump. Ma nessuna di loro ha mai potuto aspirare, e mai potrà, a vedere pubblicizzate le proprie creazioni e società addirittura sul sito ufficiale della Casa Bianca. […]
Mondo - 22 gennaio 2017

Donald e le sue parole magiche: “America”, “noi” e “sogno”

Posto che alle parole dovrebbero seguire i fatti, per tentare di capire meglio quale sarà il futuro di una nazione, non basta comprendere a fondo il contenuto del discorso di insediamento del suo presidente. Piuttosto è necessario analizzare la lunghezza delle frasi, quante volte e in quale contesto viene usato un determinato sostantivo o un […]
Politica - 20 gennaio 2017

Alfano sulla tomba di Craxi: “Era un dovere essere qui”

In una Tunisi mesta e silenziosa per la scomparsa dei turisti che un tempo sciamavano tra i vicoli della Medina, Angelino Alfano ha fatto la sua prima comparsa in veste di titolare degli Esteri, guarda caso nel giorno della commemorazione di Bettino Craxi, scomparso nella sua villa di Hammamet, a pochi chilometri dalla Capitale tunisina, […]
Mondo - 19 gennaio 2017

“Per fare davvero pace Israele deve rischiare la guerra ai suoi coloni”

Quando Yair Auron aveva 22 anni rimase ferito nella Guerra dei Sei giorni che gli portò via il suo migliore amico e diede il via all’occupazione israeliana, che quest’anno, a giugno, entrerà nella storia come la più lunga dei tempi moderni. Dopo la conferenza di Parigi sulla questione israelo-palestinese indetta dal presidente Hollande per trovare […]
Mondo - 14 gennaio 2017

Assange: “Grazia a Manning e mi consegno”

Il tweet lanciato da Wikileaks a proposito del suo fondatore, Julian Assange, potrebbe essere interpretato come un dono offerto da uno degli uomini più ricercati dagli Stati Uniti al presidente Obama a pochi giorni dalla conclusione dei suoi otto anni alla Casa Bianca. Ma a una seconda lettura, appare subito chiaro che lo scambio proposto […]
Mondo - 10 gennaio 2017

La faida dei tabloid che può travolgere la carriera di Bibi

L’attentato di due giorni fa che ha ucciso quattro giovani soldati israeliani ha interrotto solo per poche ore il flusso di notizie diffuse dal quotidiano progressista di Tel Aviv, Haaretz, e riprese da alcuni canali televisivi israeliani a proposito delle due inchieste a carico del premier Benjamin Netanyahu. Aperte dalla magistratura l’anno scorso, le indagini […]
Mondo - 9 gennaio 2017

Tir contro militari. Quattro morti a Gerusalemme

“Secondo tutti gli elementi raccolti finora, l’autore dell’attentato è un sostenitore dello Stato Islamico”, ha detto il premier Benjamin Netanyahu dopo aver visitato la piazza di Gerusalemme nei pressi della Città Vecchia dove è avvenuto l’ennesimo episodio della cosiddetta “Intifada delle auto” che si è concluso con la morte di quattro giovanissimi soldati (tre donne […]
Mondo - 7 gennaio 2017

Jihad, una poltrona per due: al-Zawahiri contro il Califfo

L’attuale leader di al Qaeda, Ayman al-Zawahiri, a quanto sembra è ancora vivo e dal suo nascondiglio, probabilmente tra le montagne del Pakistan e dell’Afghanistan, ha registrato l’audio di un messaggio diffuso in Internet attraverso un sito jihadista scovato da Site, la piattaforma online che monitora la propaganda dei gruppi estremisti islamici. Il medico egiziano, […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×