Zanetti e Orfini sono valeriana per assorbire il vero dolore

Pagine e pagine di morte e infinite sofferenze. La strage di Nizza, le lacrime per le vittime del treno in Puglia, il sangue che scorre in Turchia. Poi giri pagina e il faccione di Enrico Zanetti ci riporta nel nostro misero cortile domestico e (lo ammettiamo con un po’ di vergogna) ci sentiamo di nuovo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.