Volpi e i “furbetti”, dal petrolio Eni all’aiuto per Carige

L’uomo d’oro - L’imprenditore ligure, mediatore per l’affare del pozzo in Nigeria, con Fiorani per il salvataggio della banca
Volpi e i “furbetti”, dal petrolio Eni all’aiuto per Carige

Banca Carige e il giacimento nigeriano più desiderato da Eni. Un filo rosso lega due vicende che occupano le pagine di cronaca economica: Gabriele Volpi. Un uomo da due miliardi di euro che in questi ultimi mesi sta riposizionando e soprattutto vendendo pezzi pregiati del suo patrimonio. Insieme con l’inseparabile collaboratore Gianpiero Fiorani. Proprio quello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.