“Voi emigrate pure: io resto con le vostre 12 femmine”

Gesuino Némus racconta al “Fatto” il suo nuovo romanzo: in una Telévras contemporanea, tocca inventarsi qualcosa contro lo spopolamento
“Voi emigrate pure: io resto con le vostre 12 femmine”

Nel libro delle “Citazioni Errate” è scritto che “Un uomo, per sentirsi completamente realizzato, dovrebbe nella sua vita compiere solo tre cose: fare un figlio, scrivere un libro, piantare un albero”. Mio figlio mi picchia ogni giorno; ho scritto un libro bruttissimo; ero convinto di piantare un nespolo e m’è spuntato un banano. Ergo: sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.