Voci del terrorismo, voci del complotto

Sentono le voci. Qualunque psichiatra conosce la sindrome e prevede la fine che è quasi sempre tragica. Le voci comandano con una fermezza che esige obbedienza. Le voci sanno come guidare, ma sanno prima di tutto dove insediarsi. Può essere una tecnologia, la rete, l’indottrinamento in solitudine mentre una immensa folla di combattenti virtuali ti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.