Viva le donne (non solo saudite) che guidano

L’Arabia Saudita (che è tutta una “a” finale, ma non si distingue per la felice condizione delle donne) pare si stia dando una mossa. L’ambasciata a Washington ha nominato, per la prima volta, una donna portavoce della sede diplomatica. Il fatto è accaduto a poche ore dall’annuncio della rimozione (forzata, verrebbe da dire) del divieto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.