Viva la legalità, ma non parliamo di corruzione

La relazione - Il nuovo capo dimentica mafia e mazzette (e i casi di malaffare tra gli industriali)
Viva la legalità, ma non parliamo di corruzione

La cosa che si nota di più è quel che manca. La parola “corruzione’’, per esempio, non c’è nelle 29 pagine della prima relazione di Vincenzo Boccia come presidente di Confindustria. Da anni l’Italia è alle prese con scandali quotidiani legati a pratiche corruttive. Dossier internazionali di fonti autorevoli lanciano allarmi sui costi della corruzione; […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.