Vittorini fa l’“Americana” tra flirt e censura fascista

Le note di Cesare Pavese sulla Pivano e il regime
Vittorini fa l’“Americana” tra flirt e censura fascista

È stata una delle imprese editoriali italiane più travagliate e straordinarie del Novecento: l’avventura di Americana, la leggendaria antologia di scrittori statunitensi che Elio Vittorini e l’editore Valentino Bompiani riuscirono a pubblicare nell’ottobre del 1942, in piena guerra mondiale e con gli Stati Uniti nemici, tra censure fasciste, tagli redazionali e svariate peripezie. Fu davvero romanzesca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.