» Cronaca
mercoledì 09/05/2018

Milano, vita da pusher-rider: “Ne ho una valanga in mezz’ora la porto”

Milano - Nell’indagine “The Hole”, lo spaccio di cocaina gestito come un servizio espresso con consegne a domicilio e linguaggio criptato
Milano, vita da pusher-rider: “Ne ho una valanga in mezz’ora la porto”

Ore 2 del mattino. Milano girata dal centro alla periferia. Scooter, benzina, cocaina. Consegne a domicilio. Rapide, organizzate. Il pusher corre svelto. Via Bassini 42, zona Città studi. Dice: “Fammelo scendere Bassini (…) sono già qua, ciao”. La strada vale un cliente. Ultima consegna. “Dopo chiudiamo”, conferma il capo. Turno agli sgoccioli. Ma non è ancora finita. Il pusher prima di staccare deve mandare il “report” della serata. Via sms: “Lovers 1.040. Zuretti deve 30, Anzani rende 30 vecchio. A Totò rimane 45 giorni totali”. Dicevamo ogni via un acquirente. Ogni numero, soldi pagati o da pagare. Quel “lovers” sta per gli euro, “i giorni” le dosi che, in questo caso, sono rimaste in tasca a Totò, turnista della mattina successiva. “Ascoltami – dice il capo a un altro pusher – dietro quanti giorni ti restano?”. Lo spacciatore non è preciso: “Allora 25 sicuri (…) non lo so Fra, saranno all’incirca una decina di giorni credo 5, 7 giorni”. Il capo taglia corto: “Allora ti mando a Fra da te gli dai lover e i giorni che hai dietro!”

Eccolo il diario del pusher raccontato, intercettazione dopo intercettazione, nell’inchiesta “The Hole”, coordinata dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Milano, che giovedì scorso ha portato in carcere 23 persone. Fermiamo per un istante le consegne. E torniamo all’inizio, al capo e al “materiale” (droga, ndr). Dice Giuseppe D’Aiello, campano d’origine, residenza milanese e contatti calabresi: “Ne ho una valanga, basta che tu mi chiami e te la porto tra mezz’ora, sono proprio pieno pieno”. Benvenuti a Coca city. E ancora: “Mi ha detto che fa paura, tutta sfoglia, paura. Mi fido, mi ha detto che è micidiale (…) Vieni a spacchettarla, tu hai il bilancino grosso?”.

Dalle case “imbosco” alle strade è tutto un spicciare affari. Per i pusher come Sara S. o Jacopo P. (poi uscito dal gruppo) lo stipendio è settimanale. Varia, ovviamente, dalle dosi consegnate. Benzina e scooter per girare la città è a carico dell’organizzazione. E così ecco che si può cominciare. In strada, nascosti nel traffico del centro. Dai locali della movida ai palazzi borghesi fino alla prima periferia. Il capo coordina con il cellulare che lui chiama “della fatica”. “Poi mi dici quanto ti manca per Vallazze? Dopo vai al Bulgari che c’è Dimitri. Hotel Bulgari”. È solo l’inizio. Il lavoro prosegue senza sosta. Il capo fa da centralino, raccoglie le ordinazioni e indirizza le consegne. “Ascoltami – dice – Monza 44? Da lì non riesci a fare subito Zuretti (…). Lascia stare questo ti fai subito Mc Porta Romana, Zuretti 31 e poi Dimitri casa, ok?…”. Il pusher risponde: “Monza al 44 l’ho già fatto”. A volte poi il cliente cambia posizione. Nessun problema. In perfetto stile pony express il capo dice: “Jack, Moscova venticinque si è spostato San Fermo”. E l’acquirente è servito. Ci sono modelle, ex starlette, professionisti. A ognuno la sua dose. “Stelline” o “stellone”. Gergo per definire due confezionamenti. Il primo va a chi ha pochi soldi, il secondo supera i 100 euro. Certo la copertura è buona, ma “i puffi spogliati” (carabinieri in borghese, ndr) possono sbucare da dietro l’angolo.

Capita a Sara S., soprannominata “sniffer”, pizzicata con decine di dosi addosso. Un po’ di carcere e di nuovo in strada. La ragazza ha un debito con l’organizzazione. Tocca lavorare gratis. Il capo non ha mezzi termini: “Vedi di comportarti come si deve, ti devi fare tutti, la tua piazza e la piazza di qua, quindi vai da Sandro e poi scappi subito a Bollate a farti gli altri. Devo recuperare i soldi Nina, poi ricominciamo, dopo parliamo di ritornare a lavorare come si deve”. Vita dura quella del pusher. Bisogna sempre avere il sangue freddo, soprattutto quando vieni fermato dai carabinieri. Succede a Mario D, il quale dalla caserma finge una telefonata ai genitori, in realtà avverte il capo. “Papà, sono in caserma, passami la mamma, sono in caserma a Rho, che mi arrestano perché avevo della droga addosso”.

Ma non c’è problema. Un po’ di pazienza e si ricomincia. La coca è un affare che non conosce crisi. Certo la ’ndrangheta ha il monopolio, ma da qualche mese in città due gruppi criminali di etnia sinti, come i Casamonica a Roma, gestiscono zone di spaccio nell’area compresa tra Quarto Oggiaro e il campo nomadi di via Negrotto. Da un lato, secondo i pm, la vecchia batteria di Alan S. (solo indagato) e dall’altra un nome di peso, oggi coperto da omissis, soprannominato Nasca. Le due batterie si contendono il territorio. Nasca, però, vuole prendersi tutto. Dice: “Io ti vendo la coca. Tu la paghi 43 io 37. Tu (ad Alan S.) gli dici che lavori con me. Digli che Nasca è tornato. Noi ci siamo agganciati con gli Strangio. Quello ha i ferri (armi, ndr)?. Beh digli che anche io ho i ferri”. In attesa di sviluppi, il pusher ha ripreso le consegne: “Viale Monza, via Vallazze, piazzale Lotto, San Siro…”. Raccoglie “Lovers” e consegna “giorni”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Inchiesta a Genova

Perquisiti Fiorani e Volpi, ipotesi maxi-evasione fiscale

Blitz della Guardia di finanza per l’inchiesta che vede indagati Gianpiero Fiorani, l’ex banchiere e “furbetto del quartierino” allorché era al vertice della Banca Popolare di Lodi, e il tycoon e azionista di Carige Gabriele Volpi. La Gdf ha perquisito e acquisito documentazione in varie parti d’Italia, a Chiavari, Lodi, Legnano, Milano e Bologna, negli studi di commercialisti, consulenti e collaboratori. Per l’accusa, sostenuta dai magistrati Francesco Pinto e Marcello Maresca, Volpi e Fiorani avrebbero fatto rientrare in Italia alcuni milioni di euro frutto di una maxi-evasione fiscale.

Il denaro sarebbe il provento di compravendite immobiliari compiute con lo schermo di un trust con sede legale off-shore. Per questo i due sono stati indagati a Genova per autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni. L’inchiesta parte da due spunti investigativi: da un lato alcuni presunti pagamenti in nero ai giocatori della Pro Recco pallanuoto (Volpi è il patron), dall’altro un gruppo di ‘spallonì che dalla Svizzera avrebbe fatto rientrare capitali in Italia. Della vicenda si era occupata la Procura di Como che aveva trasmesso poi gli atti a Genova.

Cronaca

Vecchie e nuove cosche, dalle borgate al centro

Commenti

Nuovi leader. L’incapacità di risolvere i problemi: oggi basta banalizzarli

Incubo morte da batterio. Aumentano i contenziosi
Cronaca
L’inchiesta

Incubo morte da batterio. Aumentano i contenziosi

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×