» Mondo
martedì 17/05/2016

Vita da apprendista del terrore: il jihad poi l’espulsione

Lombardistan: la regione del Nord insieme con il Veneto in cima alle classifiche degli islamici controllati e cacciati
Vita da apprendista  del terrore: il jihad  poi l’espulsione

C’è chi lavora come addetto alle pulizie, chi fa l’operaio, altri che, invece, spacciano. Tutti, però, hanno una cosa in comune: il jihad. Da coltivare su Internet o in piccole cascine trasformate in moschee. Parlano di martirio, inneggiano allo Stato Islamico. Sono i nuovi mujaheddin del terrore per come emergono dalla lista delle espulsione stilata […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Mondo

L’Onu: “Bloccare i migranti non è la risposta giusta”

Mondo

Niente carrette del mare, niente trafficanti: solo il sogno di una nuova vita in Italia

“Sette anni dopo, sindrome siriana in Libia”
Mondo
La storia

“Sette anni dopo, sindrome siriana in Libia”

di
Navalny e il “pesciolino” che fa tremare lo “zar”
Mondo
Mosca

Navalny e il “pesciolino” che fa tremare lo “zar”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×