Visite, posta e vasi di miele: il 41 bis non è più così duro

Le regole cambiano da un istituto all’altro, aumentano i boss autorizzati a brevi (e costosi) rientri a casa e in grado di mantenere i simboli del loro potere
Visite, posta e vasi di miele: il 41 bis non è più così duro

C’è un giudice di sorveglianza a Sassari che consente lo scambio di corrispondenza tra detenuti di istituti diversi: così quelli di Sassari scrivono a quelli di Tolmezzo. Solo che a Tolmezzo c’è un altro giudice che vieta la corrispondenza persino tra detenuti e familiari, come invece previsto da una nota del Dap. Non è una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.