» Cronaca
mercoledì 16/05/2018

Privacy sul web, violarla sarà reato solo se ci guadagni: depenalizzati revenge porn e pubblicazione dati

Regolamento Ue - Si tutelano i social network, si rende più lieve la pena se si pubblicano poche foto intime per "vendetta" senza intento di profitto. E si tutelano i social network. Restano pochi giorni per cambiare il provvedimento
Privacy sul web, violarla sarà reato solo se ci guadagni: depenalizzati revenge porn e pubblicazione dati

Malissimo la prima, male la seconda: il decreto di adeguamento della privacy italiana, che nella sua iniziale stesura aveva provato a depenalizzare tutti i casi di trattamento illecito dei dati personali e la cui delega scade il 21 maggio, nella sua seconda versione dimostra di non aver imparato la lezione. In sintesi: depenalizza il revenge porn nei casi di poche foto degli adulti, depenalizza la pubblicazione dei dati personali senza profitto e indirettamente nei casi ordinari di diffusione, salva i social network. Niente più reato per il futuro e condono per i casi del passato. Il tempo per modificare ancora il testo è poco: le commissioni parlamentari e il garante della privacy dovranno dare il parere nei prossimi giorni. La delega scade il 21 maggio (ma potrebbe essere prorogata con un escamotage normativo), il termine per adeguarsi al regolamento europeo è il 25 maggio.

I problemi. Si parte dalle sanzioni. Inizialmente era stato completamente depenalizzato il reato di trattamento illecito dei dati personali previsto dall’articolo 167 del Codice Privacy. Nel nuovo testo, vengono introdotte nuove fattispecie di reato, mentre alcuni aspetti non saranno più puniti se non con sanzioni amministrative estese anche ai reati compiuti e giudicati prima della nuova legge. “Sulle sanzioni penali – spiega Stefano Aterno, docente di Diritto penale dell’informatica alla Luiss – c’è continuità con quanto previsto nel vecchio codice solo se la violazione dei dati personali è stata portata avanti con la volontà di trarne un profitto o un vantaggio o altra utilità. Altrimenti non c’è più il reato”. Ad esempio, la diffusione di una foto di nudo senza l’autorizzazione dell’interessato oppure la pubblicazione di una cartella clinica di un paziente non saranno configurabili come reato. I singoli casi di revenge porn, la circolazione di informazioni personali e intime per vendetta, saranno depenalizzati se non si dimostrerà la volontà di trarne un profitto. “Ci saranno le sanzioni del garante privacy, che dovrà istruire il procedimento, ammesso che il fatto sia stato comunicato dalle procure” dice Aterno.

I social network. “Va notato poi che nella delega che ha ricevuto il governo non era prevista alcuna sanatoria per il passato e, ancor peggio, non si è pensato a un periodo graduale per le piccole medie imprese – spiega Fulvio Sarzana, avvocato e docente –. È stata scritta una legge che condona il passato ma non cura il futuro”. E c’è il rischio che salvi i social network in gran parte dei casi in cui sono coinvolti, ovvero “in tutte le fattispecie gratuite che però hanno comunque causato danni. Basti pensare al caso Tiziana Cantone: secondo le norme precedenti, avrebbero potuto essere perseguiti anche per una sola foto, laddove si fosse evidenziato un illecito. Oggi la depenalizzazione delle fattispecie di danno renderebbe inutile perseguire casi nei quali non sussiste profitto”.

Il numero. Una sorta di “norma penale in bianco” sembra riguardare invece gli articoli 167 bis e ter. “La comunicazione, la diffusione e l’acquisizione fraudolenta configurano il reato solo se c’è un trattamento illecito di dati personali riferibili a un numero rilevante di persone – spiega Aterno – ma questa forma lascia una grande incertezza sull’interpretazione. Che significa ‘numero rilevante’? Anche la diffusione dei dati di una sola persona può provocare danni enormi”.

I tempi. Il decreto è stato scritto di corsa e in grande ritardo, la Pubblica amministrazione e le aziende sono indietro nell’adeguamento. Il regime transitorio previsto fa sì che molti casi pendenti, importanti e gravi, che al 31 dicembre abbiano già ricevuto un atto di contestazione da parte del garante privacy finiscano in una sorta di procedura stralcio (una dinamica che in pratica risolve le questioni aperte in un momento di transizione legislativa, ndr) e abbiano così un doppio binario con criteri di decisione incerti. “Il vizio originale – spiega Aterno – è la corsa con il quale è stato redatto e corretto. E il problema persisterà fino al 21 maggio”.


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Turista inglese violentata

Stupro a Meta, l’hotel parte civile contro i suoi (ex) dipendenti

È stato licenziato ieri l’unico ancora in servizio dei cinque dipendenti dell’hotel di Meta di Sorrento (Napoli) ritenuto responsabile di avere fatto parte del branco che, nel 2016, ha drogato e poi violentato una turista inglese negli spazi della struttura alberghiera. Lo rende noto un comunicato della direzione pubbliche relazioni dell’albergo. Ieri la Polizia ha arrestato cinque persone con l’accusa di violenza sessuale di gruppo con l’aggravante dell’uso di sostanza stupefacente. In servizio, con un contratto a tempo indeterminato rescisso stamattina per giusta causa, era rimasto un giovane di 22 anni, che era stato assunto con la qualifica di aiuto cuoco. Nella nota, la direzione dell’albergo manifesta “piena vicinanza e profonda solidarietà nei confronti della vittima. A tal fine è ferma la determinazione della società, laddove la Procura decidesse di esercitare l’azione penale, di costituirsi parte civile nei confronti degli ex dipendenti al fine di accertare quanto accaduto e tutelare l’immagine e il buon nome di una struttura e di un’organizzazione aziendale che vanta oltre 500 dipendenti”.

Cronaca

Nell’agenda di Falcone qualcosa non torna

Cronaca

L’ordinanza anti-alcol con la “congrua” quantità

Producevano energie rinnovabili invece che ortaggi pregiati. Indagato anche Valerio Veltroni
Cronaca
Sardegna - Inchiesta della GdF per truffa

Producevano energie rinnovabili invece che ortaggi pregiati. Indagato anche Valerio Veltroni

di
Tangente da 600 mila euro e bus mai consegnati: 5 anni a Mancini per estorsione
Cronaca
Roma - L’ex ad di Eur spa risarcirà il Comune

Tangente da 600 mila euro e bus mai consegnati: 5 anni a Mancini per estorsione

“Non vogliono ricordare la vittima del femminicidio”. E il sindaco si dimette
Cronaca
tenno (TN) - Niente lapide per la ragazza

“Non vogliono ricordare la vittima del femminicidio”. E il sindaco si dimette

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×