Vince l’Ucraina, Eurovision “stonato” per Mosca

Fuori spartito - La cantante di origine tatara trionfa, la Russia non gradisce: “Scelta politica”
Vince l’Ucraina, Eurovision “stonato” per Mosca

I rapporti infuocati tra Mosca e Kiev si riflettono anche sulla musica pop. La vittoria dell’Ucraina all’Eurovision song contest ha scatenato un putiferio in Russia trasformandosi in un caso politico. Il motivo? Ad aggiudicarsi il festival è stata la cantante ucraina di origine tatara Jamala con 1944, una canzone dedicata alla deportazione dei tatari di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.