» Cultura
giovedì 28/12/2017

Vince il classico contemporaneo

Sui palchi si sfidano spettacoli eretici, drammi borghesi e shakespeariani. Ma trionfa la logica dei numeri
Vince il classico contemporaneo

  Copenaghen Regia: Mauro Avogadro Voto: 9 Lo spettacolo più bello dell’anno è la ripresa di un allestimento di quasi vent’anni fa: andiamo bene. Sul palco succede poco o niente, se non lo scazzo metafisico-etico-fisico sulla bomba atomica tra due scienziati nel 1941: Heisenberg e Bohr (più la moglie). Straordinari gli interpreti – Umberto Orsini, Massimo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

L’Oscar nel nome di Guadagnino

Cultura

Alto, famoso, di bell’aspetto: cerco un libro ma da 5 euro

“La Ginzburg”, il modo diretto e sincero di stare al mondo
Cultura
L’intellettuale

“La Ginzburg”, il modo diretto e sincero di stare al mondo

di
Cultura
Cinema - European Audiovisual Observatory 2017

Biglietti in calo in tutta Europa. L’Italia la peggiore: -12% di ingressi

Il fulcro della musica sacra di Bach è Bach
Cultura
L’analisi

Il fulcro della musica sacra di Bach è Bach

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×