Vince il classico contemporaneo

Sui palchi si sfidano spettacoli eretici, drammi borghesi e shakespeariani. Ma trionfa la logica dei numeri
Vince il classico contemporaneo

  Copenaghen Regia: Mauro Avogadro Voto: 9 Lo spettacolo più bello dell’anno è la ripresa di un allestimento di quasi vent’anni fa: andiamo bene. Sul palco succede poco o niente, se non lo scazzo metafisico-etico-fisico sulla bomba atomica tra due scienziati nel 1941: Heisenberg e Bohr (più la moglie). Straordinari gli interpreti – Umberto Orsini, Massimo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.