Villa Pamphilj, la strana passione di Matteo per la sede nel parco

Andirivieni. Dai leader internazionali alle interviste, il premier ormai preferisce stare lì

Il silenzio, ovunque silenzio. Così suggestiva, panoramica e discreta. Villa Pamphilj è il desiderio mai nascosto dei presidenti del Consiglio. Palazzina Algardi, intitolata all’architetto bolognese oppure chiamata “Casino del Bel Respiro”, un’elegante “altana” che svetta dentro un parco di quasi duecento ettari adorato dai romani, è una sede di rappresentanza del governo. Matteo Renzi l’ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.