“Vi racconto l’eroina di Lou e il prosciutto di Pavarotti”

Francesco Tomasi - È stato un grande promoter, ha organizzato concerti leggendari. Come quello – contestatissimo – di Venezia nel 1989, quando i Pink Floyd suonarono “su una zattera”
“Vi racconto l’eroina di Lou e il prosciutto di Pavarotti”

Memorie di Francesco Tomasi da Udine, manager e promoter di stelle della musica, animatore di concerti leggendari, ex operaio alla Zanussi, ex basagliano passato in gioventù dalla follia dell’uomo solo senza più comando né percezione di sé, all’organizzazione dei rocker che sapevano accendere la folla come nessuno: “Lou Reed era pazzesco. Quando pesavo venti chili […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.