Vent’anni di diseguaglianze: in Italia godono solo i più ricchi

Uno studio sui dati di Bankitalia svela che dal 1995 le distanze tra i gruppi sociali si sono cristallizzate La classe dirigente si è rafforzata, a danno dei gruppi a minor reddito, più esposti a povertà ed esclusione sociale
Vent’anni di diseguaglianze: in Italia godono solo i più ricchi

Negli ultimi 20 anni, la numerosità dei nuclei familiari è passata da 20 milioni scarsi nel 1995 a oltre 25 milioni nel 2016, per effetto sia dell’incremento della popolazione (quasi 4 milioni di persone) sia della diminuzione del numero medio di componenti (da 2,88 a 2,32). Ma le disuguaglianze tra i gruppi sociali sono rimaste […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.