Veneto Banca, così Consoli salvò l’amico Vespa prima del disastro

Nel 2013 l’istituto riacquista le azioni del conduttore e dei suoi familiari per 11,3 milioni. Ultimo momento buono prima che il valore si polverizzasse
Veneto Banca, così Consoli salvò l’amico Vespa prima del disastro

Il colpo fortunato la famiglia Vespa l’ha fatto nel luglio del 2013, quando il consiglio d’amministrazione di Veneto Banca ha deliberato il riacquisto da Bruno Vespa, conduttore di Porta a Porta, di 267958 azioni della banca. Con lui si sono liberati di quasi tutta la partecipazione gli altri membri della famiglia: la moglie Augusta Iannini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.