Vedi Istanbul e poi pettinati. Il boom dei turisti calvi

Presenze straniere al collasso per gli attentati dell’Isis e dei curdi. Ma fiorisce il business estetico. Da tutto il mondo (e dall’Italia) pellegrinaggi nelle cliniche di trapianto tricologico
Vedi Istanbul e poi pettinati. Il boom dei turisti calvi

Quando il taxi che ci sta portando in una delle tante cliniche di Istanbul specializzate in trapianto di capelli è costretto a fermarsi al semaforo di fianco allo stadio del Besiktas, Francesco gira la fronte stempiata e sembra realizzare per la prima volta dalla partenza da Bergamo perché la madre fosse così preoccupata. “Avevo visto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.