Vecchie e nuove cosche, dalle borgate al centro

Poteri criminali - La famiglia Sinti lavorava con i boss della Magliana e non ha mai mollato la sua zona
Vecchie e nuove cosche, dalle borgate al centro

Una volta le chiamavano batterie, gruppi di pischelli nati e cresciuti nelle periferie sterminate e desolate di Roma, strade polverose negli anni 70, strisce di asfalto distrutte oggi. Gruppi locali, bande che crescono e si spartiscono il territorio. Baretti delle borgate, dove ti incontri, ti allei, prepari “gli impicci”. E su questo terreno – tradizionale, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.