Valeria, la ricercatrice che amava l’Europa come casa propria

Valeria, la ricercatrice che amava l’Europa come casa propria

Spero che il lavoro di mia figlia sia d’esempio per i giovani ricercatori”. Lo ha detto Lucia, mamma di Valeria Solesin la giovane veneziana uccisa nell’attentato terroristico di un anno fa al Bataclan di Parigì. Lucia Solesin ne ha parlato brevemente a margine di un convegno all’Università Cà Foscari di Venezia dedicato alla ricercatrice, ai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.