Val Comino: l’arte nei secoli ha il volto della Ciociaria

MIchele Santulli - Lo studioso: “Per molto tempo celebri dipinti hanno avuto come modelli ragazzi emigrati dal Lazio”
Val Comino: l’arte nei secoli ha il volto della Ciociaria

Gallinaro, il paese delle belle. E dei belli. Gallinaro significa Ciociaria, è la Val Comino, conosciuta solo ai gabellieri, agli arruolatori di soldati e ai trafficanti di bimbi. È carne giovane, viva, elettrica quella che a metà dell’Ottocento cerca il pane ballando per le strade di Roma, questuando e mendicando, suonando l’organetto e il piffero. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.