Uscire dall’euro non è impossibile ma è molto difficile farlo bene

Il vero problema è che la migliore exit strategy unilaterale, per funzionare, deve restare segreta e dunque non può essere implementata. Ma chi se la cava col catastrofismo la fa troppo facile
Uscire dall’euro non è impossibile ma è molto difficile farlo bene

Ma allora si può uscire dall’euro? La scorsa settimana in queste pagine è stato pubblicato l’articolo “L’uscita dall’euro? Una Lehman Brothers elevata al quadrato”. I sei autori, Leonardo Becchetti, Mauro Gallegati, Guido Iodice, Daniela Palma, Francesco Saraceno e Leonello Tronti (BGIPST) polemizzano con il precedente pezzo di Alberto Bagnai e Jens Nordvig (ABJN) perché “cercano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.