Usa, la guerra delle statue

Il generale Lee è stato ignominiosamente sconfitto. I suoi monumenti in tutti gli Stati del Sud degli Usa, dove si era battuto per mantenere la schiavitù durante la guerra di secessione (1861-1865) sono ormai mucchietti di pietre da sgomberare, dopo la rivolta dei neri contro i nuovi razzisti risvegliati da Trump. Le statue di Cristoforo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.