Uova contaminate, scoperti due casi forse ‘made in Italy’

Lazio e Marche - Dalle analisi del ministero della Salute emergono campioni positivi all’antipulci in prodotti distribuiti come “italiani”
Uova contaminate, scoperti due casi forse ‘made in Italy’

Nella mattinata di ieri erano due i campioni risultati positivi su 144 analizzati: le uova contaminate con il Fipronil sono arrivate anche in Italia, rintracciate rispettivamente nei prodotti di un laboratorio di pasta all’uovo romano e in un centro di imballaggio di uova per la grande distribuzione di Ancona. I controlli sono ancora in corso, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.