Uomini, topi e cartoni. Gara a chi è più furbo

Da Napoli alla Capitale - Furbetti del cartellino a volto coperto, bambini che contano ratti

Uomini che si nascondono come topi. Topi che camminano come uomini, alla luce del sole. Chi crede nei numeri potrebbe giocarsi l’ambo: 23 e 25 sulle ruote di Napoli e Roma. Ventitré furbetti del cartellino, ancora. Stavolta a Boscotrecase, dove si scorge “l’arida schiena del formidabil monte sterminator Vesevo”. Ma Giacomo Leopardi fu italiano anomalo. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.