Uno strano mondo di stragi e di festival

  Caro Furio Colombo, dopo ogni passaggio in televisione o fra le pagine dei giornali, o fra le “rassegne stampa” in Rete, sono un po’ frastornata dalla distanza siderale fra le diverse notizie. Raccontano di missili nucleari che attraversano i cieli, di Rohingya che fuggono dal massacro e di nuovi Festival. È la realtà o […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.