“Uno mponta ‘ a luna”: ore e ore a saltare con gli amici

“Uno mponta  ‘ a luna”:  ore e ore a saltare  con gli amici

Non giocano più. Non conoscono il marciapiede, quindi il mondo. I ragazzi di oggi stanno chiusi in casa tutto il giorno davanti a uno schermo con un controller in mano e le orecchie tappate dalle cuffie. Aveva capito tutto Luciano De Crescenzo già nel mesozoico 1984, quando in Così parlò Bellavista affidò a Riccardo Pazzaglia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.