Università di Brescia, il pasticciaccio brutto del concorso sospetto (ma mai annullato)

Diritto tributario - Sette prof arrestati per corruzione sulle abilitazioni, ma per il ministero sono valide
Università di Brescia, il pasticciaccio brutto del concorso sospetto (ma mai annullato)

Il mondo universitario investito dallo scandalo, sette professori ordinari arrestati per corruzione, altri 22 interdetti dalle funzioni per aver manipolato la commissione per l’abilitazione scientifica nazionale all’insegnamento del diritto tributario. Ma se la Procura di Firenze nel settembre scorso ha scoperchiato il vaso di Pandora dei concorsi truccati secondo la logica del “vile commercio dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.