Ungheria stregata a vita dalle botte di Orbán

Anti-migranti e Ue - La parabola del premier “illiberale”: da pupillo delle élite a capo-popolo delle classi povere favorito nel voto di domani
Ungheria stregata a vita dalle botte di Orbán

“Mostrami un giovane conservatore e ti dirò che è senza cuore. Mostrami un vecchio progressista e ti dirò che è senza cervello”. L’adagio, falsamente attribuito a Churchill, pare perfetto per racchiudere la storia di Viktor Orbán, anzi di Orbán e il suo doppio. Il primo è un ragazzo di 26 anni magro, capelli fluenti, come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.