Un’altra Primula rossa in fuga. Salah doveva partecipare alla strage

Si cerca il terzo uomo del metrò. Il livello di emergenza scende da 4 a 3, come prima degli attentati. Respinte le dimissioni dei ministri
Un’altra Primula rossa in fuga. Salah doveva partecipare alla strage

Due giorni dopo le stragi dell’aeroporto e della metropolitana, travolti dalle polemiche interne e quelle ancor più dilanianti che sono piombate dall’esterno (francesi in prima fila, seguiti a ruota da israeliani, americani, olandesi, russi, persino i turchi), il ministro degli Interni Jan Jambon e il collega della Giustizia, Koen Geens si sono recati dal premier […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.